CAD Software Blog


Utilizzare il PLM: un effetto dirompente, in particolare nelle PMI

Francesca Frattini

Tenere sotto controllo i dati con un sofisticato sistema di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM, Product Lifecycle Management) sembra un’idea valida quando se ne sente parlare in conferenze o articoli. Una volta implementato, il sistema PLM consente infatti di gestire i dati CAD, condividere i file all’interno del reparto di progettazione tecnica e con partner e fornitori, rispettare in modo più efficiente le scadenze dei progetti e acquisire in genere maggiore competitività.

Il PLM, tuttavia, non è solo software e hardware. È una vera e propria iniziativa. Per una piccola o media impresa (PMI) che ne valuta il costo, è pertanto opportuno chiedersi in quale misura questa particolare iniziativa avrà un effetto dirompente sulle attività aziendali quotidiane.

Per rispondere a tale domanda, ho parlato con Chris Bergquist, PLM Solutions Director di PTC. Bergquist si occupa di soluzioni PLM da 20 anni e ricorda l’epoca in cui un sistema PLM completo poteva essere implementato in produzione solo da aziende da miliardi di dollari. Fortunatamente per le PMI, ha però dichiarato, i tempi sono cambiati.

Bergquist: Le sfide più comuni erano associate alla complessità dell’implementazione, comprendente numerose parti. Un’azienda necessitava di un server di database, un server Web, eventualmente un server separato per la ricerca e così via. Anche se avesse posseduto tutti i componenti software e hardware, inoltre, avrebbe dovuto preoccuparsi di disporre delle versioni corrette di ognuno. Talvolta i requisiti per mantenere la compatibilità tra i componenti sono molto precisi.

Una volta combinate tutte le parti, qualcuno doveva poi personalizzare il sistema, creando processi e ruoli corrispondenti all’azienda. Era quindi necessario affrontare implementazione, test e formazione. Poteva essere un processo lungo e travagliato, con numerosi passaggi. Per non parlare di ciò che accadeva in caso di modifica di una versione del CAD.

Quali soluzioni sono disponibili oggi per un’azienda di dimensioni ridotte?

Bergquist: Nel corso degli anni, il PLM è cambiato e si è evoluto in modo da diventare più accessibile. PTC ha introdotto PTC Windchill PDM Essentials, rivolto a clienti di dimensioni ridotte e facile da implementare. È preconfigurato e offerto in bundle con il server di database. I problemi relativi alle versioni dell’hardware e del software e agli aggiornamenti permangono, ma collaborando con un partner o un rivenditore PTC esperto possono essere risolti in modo veloce e indolore.

Più recentemente, abbiamo introdotto PTC PLM Cloud. Per una piccola impresa che non dispone di un budget per i componenti hardware e software, il cloud è un modo semplice per usufruire dei vantaggi del PLM senza alcun impegno a livello di implementazione. Tutto è già installato, preconfigurato e in hosting. È sufficiente sottoscrivere un contratto, identificare gli utenti ed eseguire l’accesso.

Se PTC PLM Cloud è così semplice, in quali casi PTC Windchill PDM Essentials sarebbe una scelta valida?

Bergquist: PTC Windchill PDM Essentials può essere una scelta valida per un’azienda già in possesso dell’hardware e di un’infrastruttura IT efficiente la cui esigenza principale è la collaborazione interna. Inoltre, PTC Windchill PDM Essentials è spesso la scelta ottimale per un’azienda che non dispone di una connessione a Internet affidabile, come avviene in alcuni paesi. Il segreto per agevolare al massimo l’implementazione è sempre entrare in contatto con un partner PTC, che sarà in grado di gestire in remoto il sistema, di garantire il funzionamento del backup e la disponibilità di spazio sufficiente per la crescita dei file e di risolvere rapidamente i problemi occasionali che si verificano.

Adesso che l’implementazione è meno problematica, le aziende di dimensioni ridotte adottano il PLM?

Bergquist: Sì. In base alle stime, però, non viene ancora utilizzato dal 60% delle PMI.

Non ne percepiscono il valore?

Bergquist: Per alcune piccole imprese è necessaria un’esperienza negativa, come realizzare un prodotto utilizzando la versione errata di un progetto a causa della mancanza di un accurato controllo delle versioni e produrre ad esempio una quantità elevata che deve essere scartata o rielaborata. Dopo aver sostenuto i costi di un’esperienza di questo tipo, queste aziende saranno disposte a investire.

Quali sono le testimonianze delle PMI che hanno implementato queste soluzioni PLM più accessibili?

Bergquist: Nel caso di PTC Windchill PDM Essentials, i clienti sono soddisfatti della velocità con cui è stata completata l’implementazione. In base alle loro dichiarazioni, si aspettavano che l’implementazione delle soluzioni richiedesse settimane e sono stati invece sufficienti 3 giorni.

Riscontriamo inoltre molto interesse per la soluzione cloud da parte di PMI che in passato non avrebbero preso in considerazione il PLM a causa del costo totale di proprietà. Apprezzano la possibilità di pagare in corso di utilizzo e di collaborare in modo efficiente con fornitori e partner senza costi o tempi di implementazione elevati.

Secondo Bergquist, inoltre, indipendentemente dalla facilità di implementazione del PLM è sempre possibile realizzare il massimo valore dal software ricorrendo alla formazione. Nonostante la formazione Web costituisca un valido complemento della formazione tradizionale, per ottenere risultati ottimali Bergquist consiglia a chiunque sia alle prime armi di entrare in contatto con PTC University o il partner PTC di riferimento.

 


Chris Bergquist, PLM Solutions Director

 

LINK RAPIDI

Esercitazioni
PTC University Learning Exchange

Che cos’è PTC Windchill?
Demo e concetti fondamentali

PTC PLM Cloud
Esplorate i vantaggi








Lascia un commento

Condividi la tua opinione